Un’estate…in montagna! Ecco alcuni motivi per scegliere la vacanza ad alta quota, per godersi la bellezza della montagna lontani dallo stress e dal caldo estivo.

Mare o Montagna?

Quante volte ci hanno fatto questa domanda! Una scelta personalissima che presenta due alternative sicuramente valide.  C’è chi ama il mare e non rinuncerebbe mai ad una settimana o due sotto il sole, con la sabbia tra le dita e il profumo della salsedine. C’è chi, invece opta per i sentieri, gli alberi, l’aria fresca, l’alta quota.  Ognuno ha le proprie preferenze, tutte rispettabili e comprensibili. La maggior parte degli italiani (almeno fino al 2019) continua a preferire il mare per le più svariate motivazioni e, seguiti dagli spagnoli, siamo in vetta alla classifica dei Paesi che preferiscono il mare. In generale, la spiaggia si conferma la meta vacanziera preferita nella maggior parte dei viaggiatori di tutto il mondo. E questo, ha sicuramente dei pro: non c’è posto migliore del mare dove prendere il sole, l’aria ricca di iodio è ottima per la salute dei più piccoli, l’acqua del mare, se pulita, è un toccasana per sinusiti e raffreddori e camminare sulla sabbia è benefico e apporta un vero e proprio massaggio al piede.

PH: monatgnaestate.it

Ma, quindi, perché scegliere la montagna?

Non smetteremo mai di ripetere quanto il contatto con la natura sia importante per l’uomo (mai sentito parlare di Eco-Therapy?): l’essere umano ha necessità di stare in mezzo alla natura e ne trae innumerevoli benefici. Una passeggiata nei boschi risolleva l’animo (ne parliamo qui) abbassa la frequenza cardiaca, la pressione e aiuta a tenere sotto controllo il diabete. La montagna è un ottimo rimedio per staccare dall’aria inquinata di città e per un sano periodo di relax… ma questo lo sappiamo tutti! Ecco 8 motivi per cui scegliere di passare le proprie vacanze in alta quota.
1. CONTATTO CON LA NATURA: cielo azzurro, vette, panorami mozzafiato, fiori, boschi, laghi, colori vividi. L’estate un’occasione unica per godersi la montagna, specie se vi siete avvicinati da poco a questa passione e siete alla scoperta, dopo anni e anni di vacanze al mare. La stagione estiva regala agli occhi un vero e proprio spettacolo! E se, a questo, aggiungiamo il fatto che l’uomo è nato per stare a contatto con la natura, in esso si scopre e si ritrova, ricarica le batterie, si sente più felice, beh… la scelta viene da sé!
2. ARIA PULITA E MENO UMIDA: forse una delle motivazioni preferite da chi opta, da anni, per le vacanze in alta quota! L’aria è pulita, più fresca e, man mano che si sale di quota, meno umida! Questa caratteristica apporta particolare beneficio a chi soffre di allergia, asma e problemi respiratori questo perché, al di sopra di una certa altitudine, i microrganismi come gli acari e altri allergeni non sopravvivono o si concentrano in maniera nettamente minore. Anche chi è anemico o soffre di ipotensione (pressione bassa) trarrà numerosi benefici dall’aria di montagna!
3. PIÙ SPORT: quanti sport di montagna conoscete? Downhill MTB, Parapendio, Nordic walking, trail, passeggiate in bici, a cavallo, arrampicata e chi più ne ha ne metta! Grazie al suo eccezionale clima, la montagna è il luogo ideale dove dedicarsi all’attività sportiva. In questa stagione, le attività all’aperto sono le più consigliate, soprattutto per godere dei panorami, dell’aria pulita e per fare il pieno di vitamina D, regalata dal sole
 
4.  PASSIONE PER L’OUTDOOR: le vacanze estive in montagna sono da sempre una tappa fissa per gli appassionati di trekking e outdoor. I più esperti sapranno già che mete evitare per non ritrovarsi in mezzo alla massa, che periodo preferire e come attrezzarsi. Agli appassionati di trekking, non rimane che preparare lo zaino! (sai come si prepara?)
 
5.  PAESI E BORGHI AD ALTA QUOTA: non vi stupirà sapere che l’Italia è ricca di borghi arroccati sui monti da cui godere di paesaggi mozzafiato, tanto in inverno quanto in estate! Si pensi a Funes e la sua meravigliosa chiesta di Santa Maddalena, in Trentino alto Adige, ma anche a Castiglione di Garfagnana e il suo Castello del Leone, Campotosto in Abruzzo, la bellissima Livigno e tante altre!
 
6.  PIACE AI BAMBINI: un tema a cui teniamo particolarmente. I bambini hanno bisogno della natura, non dei videogiochi! Avvicinarli sin da piccolissimi alla natura, al contatto con questa, alla montagna, ai suoi colori, stimola la sua curiosità, fantasia, personalità e creatività. Ai bambini la natura piace, si divertono con lei, scoprono, sorridono, si abituano alla felicità, all’introspezione. E si divertono un mondo! Inoltre, regalerete ai vostri bambini dei ricordi meravigliosi!

PH: montagnaestate.it


 
7.  VIA LO STRESS: quando siamo nel verde, il nostro cervello si degenera! La frenetica vita cittadina stimola senza sosta la corteccia prefrontale, ovvero quella parte del cervello che svolte le funzioni esecutive e comprende i processi cognitivi di base, come il controllo, l’attenzione, l’inibizione cognitiva, il controllo inibitorio etc.. e, come ogni parte del nostro corpo, anche lei ha bisogno di rilassarsi! Durante una vacanza in montagna questa parte così delicata ed importante del nostro cervello riesce finalmente a riposare e, al suo posto, si attivano zone più profonde, quelle responsabili delle emozioni, come il piacere e il benessere (il cervello limbico, la sede delle nostre emozioni)
 
8. CLIMA GRADEVOLE: oltre all’aria pulita e meno umida, la montagna in estate funge da rifugio per il caldo torrido tipico delle città e località balneari. I laghetti di montagna, con le loro acque limpide, permettono di rinfrescarsi e rigenerarsi, poi stendersi, all’ombra di un albero e sentire il profumo e la freschezza dell’aria frizzante della Montagna. Ricordatevi però… il sole in montagna picchia, e pure forte! Vanno prese le giuste precauzioni per proteggere la pelle, gli occhi e la testa, così da evitare spiacevoli problemi dovuti al sole, sia nel breve che nel lungo termine.
Vi abbiamo fatto venire voglia di montagna?

Date un’opportunità a questa esperienza: siamo sicuri che non vi deluderà!

Speriamo di riuscire a ritirarci presto nella natura. Ecco perchè la nostra penisola, dopo l’emergenza avrà bisogno di noi

Cammini d’Italia

Maria Chiara Tribulini