TAPPA 1 – VIA DEGLI DEI

TAPPA 1 – VIA DEGLI DEI

Da Bologna a Badolo

Partenza: Bologna

Arrivo: Badolo 

Lunghezza: 21,3 km

Tempo di percorrenza: 6.50 h

Difficoltà: media

Dislivello: +817 m in salita ; -515 m in discesa

MTB: Si

 

Dalla stazione FS di Bologna si prende Via Indipendenza e si giunge a Piazza Maggiore, punto d’inizio (o di arrivo) della tappa 1 della Via degli Dei. Si continua verso via Saragozza, passando per l’arco del Meloncello e attraversando il portico più lungo del mondo: quello che porta al Santuario della beata Vergine di San Luca che con i suoi 3,796 km e i suoi 666 archi, si aggiudica questo primato.

Via degli Dei

Si è solito salire a San Luca e chiedere “una grazia” come i veri bolognesi prima di incamminarsi definitivamente. Si prosegue verso il Comune di Casalecchio di Reno, proseguendo per circa 200 m su strada asfaltata e imobccando sulla destra la Via de’ Brègoli (CAI 112A) che porta al Parco Talon attraverso un bosco alberato. Proprio all’inizio del percorso, dopo la strada sterrata, si presenta un bivio: entrambe le direzioni sono giuste, ma il sentiero di destra è più breve e più ripido (quindi è bene evitarlo in caso di pioggia). Si giunge al parco e si prosegue costeggiando la riva del fiume Reno, dove iniziano i primi cartelli della Via degli Dei e del sentiero CAI 112. Continuando per le indicazioni di Sasso Marconi si raggiunge l’Oasi Naturalistica di San Gherardo. Proseguendo dritto fino ad arrivare al bivio Sasso/Pontecchio si prende verso Sasso. Risalendo per Via Vizzano e arrivando alle “Ganzole” (CAI VD) si può raggiungere così la cittadina.

Dalla Stazione F.S. di Sasso Marconi si risale il sentiero CAI 122 che porta al parco dei Prati di Mugnano. Ci si dirige poi all’interno del Parco, si supera il parcheggio e si arriva alla “Piazza” dove si prosegue seguendo il sentiero CAI 110 VD (attenzione perché ci sono diversi bivi, il primo con la “Bologna- Firenze” ed il secondo con Monte Mario). 

Si prosegue fino ad arrivare al quadrivio de La Commenda. Qui ci sono due alternative:

a) Seguire il Sentiero 122 VD prendendo quello sulla sinistra e proseguendo lungo tale tragitto.  Si giunge in via delle Orchidee e si svolta a destra sulla Provinciale di Badolo fino ad arrivare al Giardino Botanico Nova Arbora. Si prosegue la strada asfaltata fino ad imboccare il sentiero sulla sinistra che sale fino a Monte del Frate.

b) Seguire il Sentiero 110 VD prendendo il sentiero a destra  in direzione Rio Raibano-Brento (CAI 110), scendendo per una discesa abbastanza ripida. Arrivati alla statale, si raggiunge il bivio che sale a Battedizzo e poi per Badolo su strada asfaltata. Nei pressi del fosso Raibano si può prendere il sentiero del CAI 110 per raggiungere Badolo evitando l’asfalto. Appena passata la chiesa di Badolo, dopo una cabina dell’Enel riparte il sentiero CAI 110 VD (in direzione Monte Adone/Brento). I due sentieri si ricongiungono nei pressi di Monte del Frate.

Annunci