Da luna di miele a “Cammino di miele” – Diario Cammino dei Forti

Cammino di miele di Chiara e Lorenzo


Vi racconto il nostro viaggio di nozze, niente Maldive, mi spiace…!!!

Diario Cammino dei Forti
Chiara e Lorenzo – Diario Cammino dei Forti


Dopo qualche ricerca, abbiamo trovato  ciò che poteva fare al caso nostro…una scelta non convenzionale, ma un trekking immerso nella natura, il Cammino dei Forti lungo 120km con 5 tappe, attraverso le colline marchigiane. Il progetto è stato ideato da tre ragazzi…l’associazione pranzo al sacco.


Il giro è ad anello, si parte e si arriva a San Severino Marche. Dove potrete acquistare la guida e ritirare la credenziale per i timbri.
Hanno voluto valorizzare il loro territorio passando da diversi comuni ( Crispiero, Rastia, Elcito, Pitino). Abbiamo scoperto un paesaggio con una bellezza incontaminata. Da subito ci siamo innamorati di questi posti e della gente tanto gentile.


Diario cammino dei forti

Il primo giorno tappa corta per iniziare a scaldare le gambe, nel pomeriggio arriviamo alla casetta nel bosco, la proprietaria è stata fantastica, ci ha accolto con un ottimo aperitivo… alla sera andiamo a cena in questo piccolo paesino, e poi relax in questa fantastica casetta immersa nella natura…avvolti da una leggera brezza. Dal secondo giorno le tappe si allungano… ma con la bellezza che vediamo intorno a noi il tempo vola.  Seconda sera arriviamo un po’ stanchi, ci fermiamo al Colle del Sole, un bellissimo casale con piscina, facciamo amicizia con altri ospiti e ci deliziamo il palato con una cena fantastica sotto il portico. La terza tappa ci conduce ad Elcito, la notte saremo in un b e b, prima di sera decidiamo di andare a conoscere due ragazzi che hanno preso in gestione un piccolo bar … ci raccontano che hanno lasciato i loro vecchi lavori per condurre una vita più semplice, vera ma soprattutto per stare più insieme.

A letto presto e la mattina si riparte…direzione Pitino, quarta tappa, arriviamo nel tardo pomeriggio al Casal Villanova. Gestito da una simpaticissima coppia con i loro figli, rimaniamo stupiti dalla loro solarità ed empatia, ci han fatto trovare delle sorprese per il nostro matrimonio e alla sera abbiamo cenato divinamente al loro ristorante. Al mattino uno dei figli ci prepara un’ottima colazione, dolce per Lorenzo e salata per me. Zaino in spalla e ripartiamo. Ultima tappa, come con Santiago, sento già la nostalgia dei km appena trascorsi. Nella fatica si entra in uno stato meditativo e di gioia che con nessun altro tipo di viaggio mi fa provare.
Anche il peso dello zaino, man mano si fa più leggero.

Perché un cammino come viaggio di nozze?


Vi starete chiedendo perché un cammino come viaggio di nozze!?

Beh, il troppo relax non fa per noi, siamo appassionati di corsa e trekking, e volevamo portare con noi la nostra cagnolina Maya. E siccome il matrimonio è un viaggio…abbiamo deciso di iniziarlo così, con piccoli passi mano nella mano… e che dire di questo cammino!? Ci ha riservato un sacco di sorprese!!!
Zaino in spalla e i pensieri volano via

Articolo di
Cammini d'Italia