La Via degli Dei è un cammino lungo circa 130 km che unisce Bologna e Firenze.

santuario di san luca

Cammini d’Italia

LA VIA DEGLI DEI

La Via degli Dei è un percorso lungo circa 130 km che unisce Piazza Maggiore a Bologna e Piazza della Signoria a Firenze. Il tracciato ripercorre un’antica via che i Romani utilizzavano, chiamata Flaminia Militare, all’epoca Bologna era chiamata Felsinea, infatti lungo il percorso ci si imbatte in dei selciati romani appartenenti al 187 a.C.

Il percorso è stato recuperato intorno agli anni ’90, durante degli scavi archeologici in quanto sono state trovate delle tracce di antiche strade romane che univano Felinea (Bologna) a Fiesole.

cammini d'italia

Il nome deriva dai nomi dei vari Monti che si attraversano lungo il cammino come Monte Adone, Monte Luario, Monzuno (che deriva da “Monte di Giove”) e Monte Venere.

Il cammino è percorribile in 4-5-6 giorni a piedi o in 2-3 in bici, a seconda dell’allenamento e delle esigenze di ciascun camminatore.

La Via degli Dei sta diventando abbastanza celebre in Emilia Romagna, ma più in generale in Italia, in quanto è uno dei trekking da fare zaino a spalla, più belli e meno impegnativi a livello di tempo da poter percorrere (dai 4 ai 6 giorni). Questo fa sì che spesso venga presa sotto gamba, che appaia alla portata di tutti e facile da affrontare, ma in realtà non c’è niente di più sbagliato.

Servono molte accortezze e consigli utili per completare questo trekking senza incappare in spiacevoli inconvenienti.

La Via degli Dei è suddivisa in tappe lunghe anche oltre i 30 km al giorno, con dislivelli impegnativi da affrontare, specialmente nella seconda e nell’ultima tappa.

Il primo consiglio è quello di definire tappe adeguate in base alle proprie esigenze e al vostro allenamento.

Il periodo migliore per percorrere la Via degli Dei va da Marzo a Novembre.

Non hai ancora letto l’articolo “Cammini in inverno: quali percorsi si possono affrontare anche col freddo?!”

L’itinerario è percorribile tutto l’anno però è bene controllare prima di intraprendere il percorso le condizioni climatiche in quanto pioggia e neve rendono alcune tappe non percorribili e spesso alquanto pericolose.

 

Lunghezza: 130 km

Tappe: 5

Tempo di percorrenza: da 4 a 6 giorni

Partenza: Bologna

Arrivo: Firenze

1. Bologna – Badolo

Distanza: 21,3 km
Tempo: 6 h 50 min

Si parte da Piazza Maggiore a Bologna e si raggiunge il Santuario di San Luca, in periferia, attraverso il suo lungo e faticoso porticato. Poi si costeggia il fiume Reno andando in direzione di Sasso Marconi per poi arrivare a fine tappa a Badolo.

Clicca qui per la tappa in dettaglio

 

2. Badolo – Madonna dei Fornelli
Distanza: 28 km
Tempo: 9 h 50 min

La seconda tappa prevede con l’escursione in mattinata del Monte Adone dal quale si può ammirare un panorama mozzafiato. Si prosegue fino ad arrivare a Monzuno verso l’ora di pranzo e successivamente a Madonna dei Fornelli.

Clicca qui per la tappa in dettaglio

 

3. Madonna dei Fornelli – Monte di Fo’
Distanza: 17,3 km
Tempo: 5 h 50 min

La terza tappa è di certo la più impegnativa per quanto riguarda i dislivelli, infatti si supera il versante Emiliano degli Appennini per giungere in Toscana. In questa tappa è possibile incontrare molti tratti della Flaminia Militare e il cimitero Germanico della Futa.

Clicca qui per la tappa in dettaglio

 

4. Monte di Fo’ – San Piero a Sieve
Distanza: 21 km
Tempo: 6 h 30 min

La quarta tappa prevede un importante dislivello iniziale per raggiungere Monte Gazzaro e le sue croci. Una volta arrivati in cima si prosegue il percorso lungo i paesaggi toscani fino ad arrivare a San Piero a Sieve.

Clicca qui per la tappa in dettaglio

 

5. San Piero a Sieve – Firenze

Distanza: 33 km
Tempo: 11 h 20 min

L’ultima tappa, la più lunga, ma non la più difficile in quanto a dislivelli, porta a Firenze, dove termina il cammino. La tappa prevede l’ingresso a Fiesole da dove è possibile ammirare Firenze dall’alto.

Clicca qui per la tappa in dettaglio

Il tracciato descritto in entrambe le direzioni, le mappe dettagliate, le altimetrie, i dislivelli e le indicazioni su dove dormire (anche in tenda).

Inoltre, gli approfondimenti storici e artistici e le località più significative da visitare.

81VUFJ4roPL.jpg

Simone Frignani da anni percorre l’Italia a piedi e in bicicletta, mappando antichi percorsi e individuando nuovi cammini. È autore delle guide La Via Romea Germanica, Italia coast to coast e Il Cammino di san Benedetto, pubblicate da Terre di mezzo Editore.

Scopri tanti altri percorsi dell’ EMILIA ROMAGNA e della TOSCANA

La Via degli Dei è particolarmente ben organizzata dal punto di vista dell’accoglienza. Si può alloggiare nei B&B, agriturismi, camping, locande, alberghi e tante altre strutture presenti lungo l’itinerario.

Per trovare tutte le strutture presenti lungo la Via degli Dei clicca sul bottone qui sotto.

 

SITO WEB: www.viadeglidei.it

Per domande o chiarimenti rivolgersi all’ Ufficio turistico Sasso Marconi

INDIRIZZO: Via Porrettana 314, proprio lungo la Via degli Dei.

TELEFONO: 051/6758409

E-MAIL: info@infosasso.it

WEB: www.infosasso.it

Non hai ancora letto l’articolo “Sapete preparare uno zaino da trekking? Ecco alcuni utili trucchi”

Ecco un esempio di zaino per la Via degli Dei

OGGETTO PESO
   
Guida 180 g
Zaino 1,7 kg
Magliette (3/4) 350 g
Calzini tecnici (3/4) 100 g
Mutande (3/4) 100 g
Infradito (consigliati) 100 g
Pantaloni tecnici lunghi 120 g
Poncho 350 g
Asciugamano (microfibra) 100 g
Beauty case e kit medico 300 g
Torcia frontale 200 g
Powerbank 10000 mAh 200 g
Posate 100 g
cordino e/o fascette 200 g
Mollette e spille da balia 50 g
Caricatore cellulare 30 g

Coltellino svizzero

Borraccia (filtra tutto)

60 g

145 gr

TOTALE 5 kg

Opzionale

 
Tenda (2 posti) 2,7 kg
Sacco a pelo 1,3 kg
Materassino 210 g
Pile a collo alto 200 g
Calzamaglia 100 g
Crema solare 130 g
Spray anti insetti 100 g
Accendino 10 g
TOTALE 12 kg